Feb 17 2011

Bad Ideas: Not Just Fleurons by Ben Huttly

A few weeks back i was browsing the Lovely Package blog and noticed one of the entries. It prominently showed a bunch of vegetables tied together with a twine and a label. Ben Huttly, the designer, thinks he devised a new and ecological way to display and sell produce, with laser cut paper labels containing seeds to be dispersed when the paper degrades.

Copyright Ben Huttly - Images used for review purpose only

I think that while it’s aestetically very pleasing this is not such a bright idea, ecology-wise, so i wrote a comment on his post, hoping to get some feedback and maybe starting a little exchange of ideas. Unfortunately he decided to moderate my comment and post only positive reviews, so I’m publishing my thoughts here…

Here’s my post, reformatted for display here but otherwise left unedited.

Hi, i’ve found your design on the lovelypackage blog and, while the aestetics are cool it struck me as… well… simply wrong.

Let me explain.

Here were i live (in Italy) you either buy your veggies loose (you pick the stuff up or ask the grocer for what you want, you put it in a small bag, weight it and the register prints the price label) or buy it pre-shrink-wrapped in plastic. things work like this everywhere from street market stalls to huge supermarkets. the only places a package like this would be used are posh food boutiques where you pay stuff 5 times its real price because it’s hip.

And there’s the fact that selling veggies prepackaged, not allowing the customer to buy according to his needs means that a lot of veggies are wasted.

You could still buy the veggies loose and use a cotton twine to tie them up instead of the small bags, but then you would have trouble putting them in your shopping bag without messing up both the veggies and everything else you have in your bag.

Also, while it may be true that laser cutting the label avoids the use of harmful printing ink i’m not sure that all the energy needed to work a cutting laser makes it a viable ecological alternative. i’m pretty sure there are biodegradable inks. and rounded label shapes means lots of wasted paper.

Then consider that the label itself says actually nothing useful about the produce you’re buying, 90% of the space is used to explain the label itself. making the label actually useless.

Also consider that scattering seeds around isn’t exactly always a good idea: most of them would be simply wasted on terrains where they couldn’t grow (landfills, asphalt, etc. etc.) or, worse, they could end up infesting wild areas.

So, this kind of packaging means:

  • wasted energy
  • wasted paper
  • wasted seeds
  • wasted veggies

While i totally agree with the fact that raising consciousness about the fact that growing produce is not impossible even in a city environment, this isn’t exactly the best way to do it and would probably end up being more harmful than useful…

Sorry if i sound harsh, but your idea really struck me…

Marcello


Aug 22 2007

E tempo che vi pentiate!

E’ di pochi giorni fa la notizia che il prossimo anno vedrà la luce la quarta edizione di advanced dungeons & dragons per mano della Wizards of the Coast.

Questa notizia riempirà alcuni di gioia e verrà accolta da altri prima con un’occhiata alla libreria colma di vecchi manuali, poi un veloce controllo del contenuto del portafoglio e infine con una scrollata di spalle.

Ma a molti sfuggirà il vero e nefasto significato di questa notizia, di quali conseguenze avrà questo fatto.

Andiamo con ordine, facciamo una breve storia delle edizioni di AD&D, come infallibilmente riportato da wikipedia (osate mettere in dubbio quello che c’è scritto su internet?) la successione delle edizioni è la seguente:

  • 1977 – prima edizione
  • 1989 – seconda edizione
  • 2000 – terza edizione
  • 2008 – quarta edizione

E’ proprio in questa apparentemente innoqua successione che si nasconde la chiave per decifrare il destino dell’intero genere umano. Osserviamo i dati su un grafico (perdonate l’approssimatività della rappresentazione, nell’urgenza di comunicare la scoperta non ho potuto trovare gli strumenti adatti):

Successione delle edizioni di AD&D

Comincerete anche voi a notare una anomalia, converrete con me che il periodo fra una edizione e l’altra non è costante, ma è in pericolosa progressione.

La cosa appare ancora più evidente se consideriamo l’inverso del periodo intercorso fra le singole edizioni:

1
2 0.083
3 0.090
4 0.125

I più intelligenti fra i miei lettori avranno sicuramente già capito il problema in tutta la sua drammatica tragicità ma, per tutti coloro che non addentro alle verità cosmiche dalla spannologia applicata, vado a esplicare ulteriormente la situazione.

Osserviano un grafico che riporta l’estrapolazione delle informazioni relative alla prossime edizioni. Quella che sembrava una semplice successione di pubblicazioni risulta ora evidente in tutta la sua esponenziale verità:

Successione delle edizioni di AD&D

E’ ora evidente a chiunque che proseguendo di questo ritmo, le nuove edizioni si susseguiranno sempre più frequenti, per raggiungere, intorno all’anno 2040, la SINGOLARITA’. A quel punto le nuove edizioni usciranno con una tale frequenza che sarà impossibile per i giocatori assimilare le regole di una edizione prima dell’uscita della seguente.

Cosa succederà a quel punto non ci è dato ancora di saperlo, una singolarità si definisce tale proprio perchè il comportamento al suo interno è imprevedibile. Forse la razza umana si evolverà finalmente nel suo stato successivo e potremo finalmente accedere alle infinite capacità della nostra mente. Forse le menti di tutti i giocatori si fonderanno in un’unica entità che governerà quello che rimarrà della civiltà umana. O forse il nostro futuro non sarà così roseo.

I ogni caso il nostro destino è ormai segnato.

Pentitevi! La fine, se non è vicina, è ormai certa.


Feb 3 2007

AIDS is not a virus

As we all thought and hoped [insert sarcastic face here] it looks like it’s actually god’s just and rightly punishment for all those unholy sodomites:

http://scienceblogs.com/aetiology/2007/02/hivs_dover.php

A South African man in Australia has been found guilty and is facing a 15-year sentence for endangering the lives of three women via unprotected sex. The guy is appealing against the sentence and, to his favor, he’s bringing the testimony of two Australian researchers that states that:

“Ms Papadopulos-Eleopulos says AIDS is a disease that results from the oxidising of the inside of the body from repeated exposure to semen resulting from passive anal intercourse. It is not a “virus” and cannot be “transmitted” from one person to another during sex.”

Amazing, isn’t it?

M

Continue reading